{ venerdì, 9 ottobre 2009 }

Un commento di Gavino Murgia

Proviamo a pensare cosa potrebbe diventare Santa Lucia se veramente questi signori realizzassero il progetto di cui si parla.

Migliaia e migliaia di turisti in più in una zona che contiene a fatica la metà di quelli che già arrivano, nuovi turisti dei quali non si ha alcun bisogno ( da aggiungere ai milioni di affezionati che ogni anno vengono a trovarci in Sardegna ). Li vedremo accalcati nelle piccole vie del borgo e nella spiaggia, costretti, strategicamente, a spendere i soldi della vacanza solamente all’interno delle strutture in questione con sede amministrativa a Milano. Migliaia di turisti che consumano spiagge in fortissima erosione, che non costituiranno alcuna ricaduta economica sugli imprenditori locali e su un comune che, evidentemente non si rende neppure conto, dovrà potenziare i servizi di nettezza urbana e depurazione con l’ovvio aggravio economico sui residenti stanziali.
Per non parlare delle enormi spese di pulizia di fine settembre per le quali le migliaia di turisti non contribuiranno in nessun modo….quando la stagione sarà finita nell’albergone da 1500 posti dormiranno solo tre guardie giurate, come per beffa , di Siniscola pagate per fare la guardia al mostro che pian piano li divorerà.
Un mostro edilizio del quale vergognarsi per sempre. Vergogna per chi lo ha realizzato e per chi lo ha permesso, violando un luogo naturale bellissimo ed unico, che vive in perfetta simbiosi con i suoi abitanti ( anch’esso non privo di piccoli scempi come alcune delle case del borgo da sempre incomplete e costruite senza alcun criterio architettonico e che, personalmente, avrei abbattuto). Vergogna è pure la nostra per averlo permesso, perché non potremo difenderci in nessun modo dalle domande che inevitabilmente ci porranno i nostri figli.
Come si può permettere questo? A cosa sono serviti gli scempi di SanTeodoro, Budoni, Tanaunella e buona parte della bassa Gallura che oggi piange la scomparsa degli arenili?
Non posso credere che gli amministratori del luogo possano svendere la terra che li ha visti nascere, che i padri hanno lasciato a loro in eredità, per concedere la realizzazione di un abuso che, ancorché edilizio, è morale nella sua essenza nonostante tutte le concessioni possibili ed in-immaginabili.
Non voglio credere che possano arrivare ad una simile svendita, perciò confido nel buon senso degli amministratori di turno che altrimenti in paese in Sardegna e nel mondo saranno aditati come gli ennesimi distruttori culibarattos !!!

Gavino Murgia

2 Commenti
  1. simo scrive:

    articolo amaro, splendido e concreto. Purtroppo carente di proposte che ascoltino la costante necessità di certezza e “modi” di vivere (economicamente…).

    Detto questo Gav, se entri in politica giuro che torno ad abitare in Sardegna per votarti. ciao un abbraccio, scrivi ancora, persone come te ne servirebbero a palate!

  2. Umberto Siotto scrive:

    Marina Ivanovna Cvetaeva – Poesie

    Un mondiale nomadismo è cominciato nel buio:
    sono gli alberi che vagano sulla terra notturna.
    Sono i grappoli che fermentano in vino dorato,
    sono le stelle che di casa in casa peregrinano,
    sono i fiumi che il cammino cominciano a ritroso!
    E io ho voglia di venire da te sul petto – a dormire.

    Io sono una pagina per la tua penna.
    Tutto ricevo. Sono una pagina bianca.
    Io sono la custode del tuo bene:
    lo crescerò e lo ridarò centuplicato.

    Io sono la campagna, la terra nera.
    Tu per me sei il raggio e l’umida pioggia.
    Tu sei il mio Dio e Signore, e io
    sono terra nera e carta bianca.

Commenta

To submit your comment, click the image below where it asks you to...
Clickcha - The One-Click Captcha

Random Posts

Salviamosantalucia.org utilizza cookie per rendere migliore la visita al sito. Proseguendo nella navigazione accetti la nostra cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

Chi Siamo
Comitato Salviamo il Borgo di Santa Lucia

Il Comitato Salviamo il Borgo di Santa Lucia nasce

//Leggi Tutto

Salviamosantalucia.org utilizza cookie per rendere migliore la visita al sito. Proseguendo nella navigazione accetti la nostra cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close